I Giardini del Tennis
project name

I Giardini del Tennis

I Giardini del Tennis Ivrea - via

description

I Giardini del Tennis
Ivrea – via Cascinette/via Richelmy
2014/2015

Tipologia: Misto (Residenziale + Commerciale)
Progetto: aMDL Michele De Lucchi Architetto Srl
Intervento: Nuova costruzione – in corso
Classe Energetica: A

Per maggiori informazioni: info@flecchia.it


 

Il progetto

“Il complesso si sviluppa secondo un unico piano coperto porticato, che ospita attività commerciali e uffici, e due edifici che emergono in altezza, uno su tre livelli l’altro su quattro, alla cui sommità si trovano piani attici, entrambi riservati alle residenze.”…

“Al centro si crea un grande spazio aperto, una piazza rialzata rispetto al livello della strada, che inserisce il complesso all’interno della città e lo rende subito abitato, prefigurando un nuovo scenario di fruizione pubblica.”…

“Prolungando il concetto di immersione nel verde, anche la copertura delle attività commerciali e uffici è sviluppata come un giardino che unisce i due edifici. All’interno di questo giardino, gli appartamenti si inseriscono con terrazzi prolungando in esterno la loro abitabilità.”…

Gli appartamenti possono svilupparsi con diverse metrature e possono essere personalizzati con soluzioni d’interni su misura. Ogni unità di abitazione si affaccia con ampio terrazzo sul paesaggio circostante, garantendone la piena fruibilità nella bella stagione.”

Michele De Lucchi

La posizione

Ivrea – via Cascinette/via Richelmy

Il progetto si sviluppa in una zona centrale di Ivrea con spazi verdi, porticati, negozi, uffici, residenze e una grande piazza che inserisce il complesso all’interno della città.

 

Vivere in prima classe

Certificazione energetica: che cosa vuol dire abitare in classe “A”? Scoprilo. 

Eco-case, architettura ecologica, edilizia sostenibile sono espressioni che indicano il costruire in armonia con l’ambiente, soprattutto per il ridotto consumo energetico. ma con grande attenzione anche al confort abitativo e ai luoghi dell’abitare.
Non è questione di moda, e tanto meno di élite. Oggi realizzare un’edilizia sempre più performante e quindi sostenibile è un dovere, visto il costo dell’energia sia a livello economico che ambientale.

 

Lo studio

logo-amdl visualizza il sito >>

L’architetto Michele De Lucchi è stato tra i protagonisti di movimenti dell’architettura radicale come Cavart, Alchimia e Memphis. Ha disegnato lampade e arredi per le più importanti aziende italiane ed europee, realizzato progetti architettonici in Italia e nel mondo, esposto in Europa, Stati Uniti e in Giappone. Insignito della onorificenza di Ufficiale della Repubblica Italiana per meriti nel campo del design e dell’architettura, è Professore Ordinario presso la Facoltà di Design al Politecnico di Milano e Accademico presso l’Accademia Nazionale di San Luca a Roma. Recentemente ha sviluppato numerosi progetti per la città di Milano: i padiglioni per Expo 2015 (Padiglione Zero, Expo Center e Padiglione Intesa Sanpaolo), Unicredit Pavilion in piazza Gae Aulenti, il museo della Pietà Rondanini nell’Ospedale Spagnolo del Castello Sforzesco, il restauro e l’allestimento museografico di Casa Manzoni.

Immagini del progetto