Case Verdi

Case Verdi
Ivrea – via Lago S. Michele/via Montemarzo
2011

Tipologia: Residenziale
Progetto architettornico: Ferrari Associati /Architetto Cesare Ferrari
Intervento: Nuova costruzione
Classe Energetica: A


Il Progetto

Una progettazione raffinata e attenta che si inserisce nel contesto con carattere e discrezione, grazie all’uso sapiente di pochi materiali, quali intonaco, acciaio e legno, e all’attenzione per gli spazi verdi, che si avventurano sin sui tetti in parte sistemati a giardino pensile, in armonia con il contesto pedecollinare.
Gli appartamenti sono dotati di ampi spazi esterni quali terrazzi e giardini pensili ai piani superiori, porticati e giardini privati al piano terra. Le capienti autorimesse interrate offrono la comodita’ di accedere ai fabbricati con l’auto, senza togliere spazio verde. Cosi’ la struttura gode anche di aree verdi comuni a beneficio di tutti.

La posizione

Ivrea – via Lago San Michele / via Montemarzo
Un complesso prestigioso in un contesto residenziale esclusivo.
Ai piedi della collina, a due passi dal centro, dotato di tutti i servizi, ma immerso in un contesto quasi extraurbano. Per godersi nella quiete l’atmosfera di casa, senza rinunciare alla comodita’ di avere tutto a portata di mano.

Vivere in prima classe

Certificazione energetica: che cosa vuol dire abitare in classe “A”? Scoprilo. 

 

Lo studio: Ferrari Associati / Architetto Cesare Ferrari

Architetto attivo fin dagli esordi in ambito urbanistico e architettonico, per committenza pubblica e privata. Dai primi anni Ottanta si dedica soprattutto alla ricerca e valorizzazione dei materiali lapidei e del loro impiego in architettura, operando in vari Paesi del Mondo.

Immagini del progetto

Il Quadrifoglio

Il Quadrifoglio
Ivrea, via dei Chiodi
2008

Tipologia: Residenziale
Progetto architettornico: Isolarchitetti
Intervento: Nuova Costruzione
Classe Energetica: A

 


 Il Progetto

…..La particolare disposizione a corolla garantisce visuali ed orientamento sempre differenti; elemento importante è la grande corte centrale attorno a cui gemmano le ville. Questo spazio giardino pensato su due livelli porta il verde e la luce anche al piano dei garage contribuendo all’amenità dei luoghi e disegna un sistema ad hortus conclusus attorno a cui si sviluppano due chiostri sovrapposti……”

            Isolarchitetti

La Posizione

 

Vivere in prima classe

Certificazione energetica: che cosa vuol dire abitare in classe “A”? Scoprilo. 

 

Lo Studio:

isolarchitetti visualizza il sito >>

Lo studio composto da Aimaro e Saverio Isola, Flavio Bruna, Michele Battaggia, Andrea Bondonio e Stefano Peyretti raccoglie l’eredità dello studio Gabetti & Isola, che dal 1950 al 2000 forma uno dei sodalizi professionali più fertili nel panorama dell’architettura moderna e contemporanea.
L’esperienza e la sensibilità maturate negli anni passati si riversano nei nuovi interventi realizzati perlopiù in contesti di alto valore storico e ambientale, proseguendo l’esplorazione di una vasta gamma di temi architettonici: dalle abitazioni, alle chiese, agli uffici, agli spazi del commercio, dello svago e della cultura fino alla scala del design, dell’allestimento e delle mostre, sempre con grande consapevolezza della centralità del valore dell’abitare.

Video del progetto

Immagini del progetto

Villa Unifamiliare

Villa Unifamiliare
Canavese
2006

Tipologia: Residenziale
Progetto: Arch. Alessandro Torri
Progetto interni: Arch. Guido Drocco
Intervento: Nuova Costruzione
Classe energetica: A

 


 

Il Progetto

La casa è estremamente permeabile al giardino esterno, con grandi vetrate verso sud ovest.
E’ stata realizzata secondo la tipologia tradizionale del tetto in legno a doppia falda e con pareti esterne intonacate. Si sviluppa lungo una pianta ad L, creando nella giunzione tra i due lati uno spazio esterno aperto verso il giardino e coperto con un tetto in vetro. Parte del lato lungo si erge su due piani.
Il legno è l’elemento predominante del progetto: tetto, pavimenti, serramenti esterni, pilastri interni ed esterni e gran parte dell’arredo partecipano all’unisono a rendere l’abitazione strettamente connessa al verde esterno.

Vivere in prima classe

Certificazione energetica: che cosa vuol dire abitare in classe “A”? Scoprilo. 

 

La posizione

La villa si trova nel Canavese, in un contesto estremamente bucolico ma non isolato nè lontano dalla città. Qui gode dell’alta qualità della vita della provincia, senza privarsi di tutti i confort abitativi, dalla comodità degli spazi interni alla domotica che la rende completamente moderna.

Immagini del progetto

Le Capriate di San Michele

Le Capriate di San Michele
Ivrea, via Grivola
2006

Tipologia: Residenziale
Progetto architettornico: Isolarchitetti
Intervento: Nuova costruzione
Classe Energetica: A

 


 

Il Progetto

“Il complesso residenziale è il risultato di un incontro felice fra persone attente alla qualità della tradizione costruttiva piemontese….
Le facciate esterne, rivestite con blocchi a spacco naturale dai colori tenui e rilassanti, non richiedono manutenzione e sono caratterizzate dalle colonne a tutta altezza in mattone fatto a mano che sostengono il tetto con le sue capriate e le sue travi in legno massiccio a vista…..”
“Il complesso residenziale di San Michele è composto da ville bifamilari e di palazzine che si potrebbero definire, per le loro caratteristiche, “ville multipiano”…. Nelle palazzine gli alloggi hanno finestre su tre lati…. Nella zona più panoramica di ciascun appartamento un’ampia terrazza abitabile aggiunge quella che si può definire “una camera in più per la bella stagione” dove cenare o sostare al fresco e all’ombra…. Gli appartamenti dell’ultimo piano hanno in proprietà splendidi loggiati coperti, grandi quanto l’alloggio sottostante, a cui si accede con una scala privata. Le ville e gli appartamenti posti al pianterreno godono di un giardino privato.”

                Isolarchitetti

La posizione

Ivrea – via Grivola

“La sua posizione ai margini della città, in prossimità del lago di San Michele, con lo sfondo del magnifico profilo della Serra e delle dolci colline boscose è comoda e allo stesso tempo tranquilla e riservata: per vivere in città con i vantaggi di respirare nel verde e godere di un comfort assolutamente unico.”

Isolarchitetti

 Vivere in prima classe

Certificazione energetica: che cosa vuol dire abitare in classe “A”? Scoprilo. 

Lo Studio:

isolarchitetti visualizza il sito >>

Lo studio composto da Aimaro e Saverio Isola, Flavio Bruna, Michele Battaggia, Andrea Bondonio e Stefano Peyretti raccoglie l’eredità dello studio Gabetti & Isola, che dal 1950 al 2000 forma uno dei sodalizi professionali più fertili nel panorama dell’architettura moderna e contemporanea.
L’esperienza e la sensibilità maturate negli anni passati si riversano nei nuovi interventi realizzati perlopiù in contesti di alto valore storico e ambientale, proseguendo l’esplorazione di una vasta gamma di temi architettonici: dalla abitazioni, alle chiese, agli uffici, agli spazi del commercio, dello svago e della cultura fino alla scala del design, dell’allestimento e delle mostre, sempre con grande consapevolezza della centralità del valore dell’abitare.

Immagini del progetto

La Cascina / Rustico

La Cascina, Rustico
Ivrea, via dei Chiodi
2003

Tipologia: Residenziale
Progetto: Arch. Stefano Craviotto
Intervento: Ristrutturazione

 


Il Progetto

L’edificio in questione era un cascinale risalente alla fine del ‘700 suddiviso, secondo la consuetudine, in una parte di civile abitazione e una parte rurale.
La parte di civile abitazione è stata sottoposta a risanamento conservativo e restauro nelle sole parti esterne.
La parte con funzioni rurali è stata convertita in civile abitazione restaurando la zona delle stalle, voltata a botte, e ristrutturando la zona dei granai.
Il recupero e il risanamento della parte rurale, originariamente priva di fondamenta, è stato possibile grazie all’adozione di particolari tecniche di sottomurazione alla formazione di vespai di aerazione, necessari per risolvere i problemi dati dall’umidità e dalla risalita capillare della stessa nelle murature.
La ricerca dei materiali da utilizzare nelle finiture è stata accurata e rispettosa della tradizione architettonica locale: le parti in cotto, coppi e mattoni, sono state recuperate dalla struttura originaria e dalle demolizioni di vecchi edifici, mentre la lavorazione e la posa di materiali di nuova fornitura sono state eseguite con metodi di lavorazione tradizionale.

 

La posizione

Ivrea – via dei Chiodi

La cascina e il suo giardino sono circondate da un muro in pietra, come solitamente venivano protette le abitazioni agricole isolate. L’area, un tempo rurale, negli anni è stata raggiunta dall’urbanizzazione del centro abitato, conquistando una posizione privilegiata perchè vicina alla vita cittadina, pur conservando la tranquillità propria della “campagna”.

Immagini del progetto

Cappella di San Lorenzo

Cappella di San Lorenzo
Ivrea – corso Massimo d’Azeglio
2000

Tipologia: Luogo di culto
Progetto: Arch. Anna Godio
Intervento: Ristrutturzione


Il Progetto

Il tema che caratterizza maggiormente il progetto riguarda l’individuazione e la composizione del Luogo per collocare la Riserva Eucaristica, in ottemperanza all’Adeguamento Liturgico delle Chiese del 1996.
Il Tabernacolo è posto, in corrispondenza della prima arcata adiacente il presbiterio, al centro di una doppia piastra concentrica in pietra di Luserna: simbolicamente viene a crearsi un’area di rispetto propria per questo luogo e le gerarchie delle varie parti vengono rispettate.
La struttura blindata che accoglie la Riserva Eucaristica è rivestita esternamente da lastre in acciaio cor-ten con trattamento superficiale di ossidazione e rifinitura a cera. Al di sopra del Tabernacolo, è collocata la lampada della fiamma perenne, sospesa alla volta mediante tondini in acciaio cor-ten e contenuta in un elemento cilindrico di vetro sabbiato.
Attorno, si collocano semplici sedute realizzate con lastre in acciaio cor-ten e pietra di Luserna.
Il progetto intende esprimere, attraverso la semplicità geometrica delle forme e le caratteristiche dei materiali impiegati, un segno di rispetto intrinseco verso la liturgia. La semplicità della composizione e la natura nobile dei materiali utilizzati ben rappresentano la solidità e la continuità nel tempo.

Il Nazionale

Palazzo “Il Nazionale”
Ivrea – corso Nigra,  64
Primi anni ’90

Tipologia: Misto (Residenziale + Terziario)
Progetto architettornico: Arch. Martino
Intervento: Ristrutturazione

 


Il Progetto

Iniziativa imprenditoriale dell’impresa edile Flecchia realizzata con particolare attenzione al recupero delle valenze storiche e architettoniche dell’edificio in questione. Lo storico “Albergo Nazionale”, costruito negli anni ’40 e ormai in disuso da più di un ventennio, è stato acquisito dall’impresa nel 1990 in condizioni di assoluto degrado e precarietà strutturale. La ristrutturazione è stata radicale: si è proceduto allo sventramento degli ultimi tre piani che risultavano strutturalmente compromessi e di nessun interesse architettonico mentre tutte le facciate e le volte a vela del piano terreno sono state oggetto di risanamento e consolidamento strutturale. La ricostruzione delle parti demolite e il restauro di quelle conservate sono stati realizzati ponendo grande attenzione nelle scelte qualitative e formali in modo da garantire un completo recupero del prestigio storico dell’edificio e un prodotto edilizio di qualità. Il palazzo è oggi di una banca, di uffici, di studi professionali e di abitazioni private.

 

La posizione

Ivrea – corso Nigra, 64

La Cicala

Palazzina “La Cicala”
Ivrea – via Montemarzo
1998

Tipologia: Residenziale
Progetto: Arch. Cesare Ferrari
Intervento: Nuova costruzione


Il Progetto

Iniziativa imprenditoriale realizzata con le migliori tecnologie in materia di qualità edilizia e comfort abitativo e con l’impiego di tecniche di finitura e materiali di pregio: intonaco frattazzato e mattoni a vista fatti a mano per le facciate, serramenti in legno massello con oscuramento a persiana, pietra di Luserna a spacco termico segata in quadro per le pavimentazioni delle parti comuni, muri tradizionali in pietra da mina locale per recinzione e contenimento terra, recinzioni e ringhiere in ferro pieno lavorato artigianalmente secondo le tipologie canavesane, copertura in tegole di cemento colorate in pasta tipo coppo striato antigelive e antigrandine, lattoniera in rame.

Grazie a un progetto molto attento alle forme architettoniche, alla privacy e al piacere di abitare e a una realizzazione orientata su criteri di qualità e finiture di pregio, l’iniziativa è stata accolta molto favorevolmente dal mercato immobiliare.

Villa Unifamiliare

Villa Unifamiliare
Ivrea, cintura
Primi anni ’80

Tipologia: Residenziale
Progetto architettornico: Ing. Boni